Osterman weekend

E pensi: un film di Peckinpah, e ti chiedi se farà parte del lontano ciclo dedicato ai registi; poi vedi che è tratto da Ludlum, ed è cosa buona e bella; vedi i protagonisti, Hauer, Hopper, Hurt, Lancaster e affermi che ormai dovresti cercare più a fondo nelle filmografie dei già conosciuti ma poco frequentati. Parte con una storia di spie, e bisogna fare attenzione nei primi 10 minuti, poi diventa piano piano qualcos’altro, con una tv invadente, fino all’ultimo.

Per il regista era l’ultimo film, naturalmente problematico, ma con trovate e scene dirette benissimo. Ad esempio c’è l’incidente, dopo il rapimento della famiglia del protagonista, che non mi fa più rimpiangere Final destination 2.

Tocca tenerlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.