Americaneide – Prima parte

E’ dal 14 dicembre che non scrivo di film. Era da quella data che ero impegnato nel più lungo, impegnativo ciclo mai affrontato, quello riguardante l’America, in oltre 100 anni di storia, dalla Guerra di Secessione per Via col vento alla guerra in Iraq e oltre. Ci sono state delle defezioni nel mio dvd-recorder, ma anche delle forse colpevoli mancanze, per i titoli che ho già visto in passato, e che magari ricordo bene, forse per le troppe volte che sono passati nei miei occhi.

Ho iniziato quindi il 14 del mese scorso con Via col vento, per il quale le considerazioni possono andare oltre alla manifesta cinefilia che lo accompagna: è un kolossal d’altri tempi, superato solo lo scorso anno da Avatar per gli incassi rivalutati, ma si capisce già così come Hollywood era indietro nella considerazione che aveva degli attori neri, o magari era solo colpa nostra se il doppiaggio fa ancora troppa paura per la pressapochezza, per l’ignoranza con cui è stato fatto; d’altronde è uscito nel ’39, ma noi ce lo siamo goduto solo molti anni più tardi.

Caratteristica del ciclo poi è il salto temporale cinematografico che comporta un’impresa del genere: dagli albori della Mecca sono passato alla fine degli anni ’80. Dopo la Guerra di secessione non si può dimenticare I cancelli del cielo, per l’integrazione degli immigrati, ma io vado oltre, e salto 50 anni con semplicità, arrivando a Reds, ovvero come venivano perlomeno considerati i comunisti negli Usa: per loro non è mai stato facile, se solo ora viene riconsiderato il Partito comunista americano, praticamente un’antitesi storica per molti, ma c’era una sparuta minoranza che purtroppo solo col Maccartismo è venuta fuori.

Qui ci stava bene anche Come eravamo, ma questo è l’unico film che non sono riuscito, tramite le schede di Filmtv, ad inserire bene nella cronologia; d’altra parte è ambientato in diversi decenni, ed è più una storia d’amore che un ritratto dell’America.

Per gli anni ’20 e ’30 mi sono affidato a Il grande Gatsby, ritratto comunque di un personaggio che si è fatto da solo, forse, quasi aristocratico, comunque inserito in un ambiente alto borghese; poi Gangster story, in cui Bonnie e Clyde combattono a forza di rapine contro la crisi del ’29, ed infine Uomini e topi, per cui se eri toccato oltre che povero non c’era tanto spazio per te, nemmeno come bracciante.

Argomento che mi ha sempre incuriosito negli ultimi anni è la 2a guerra mondiale vista da chi non la combatteva. In un siparietto di Bugsy si parla di come il personaggio, che ha inventato Las Vegas per come la conosciamo, volesse uccidere Mussolini. Lui era però un killer, e per questo non è morto quando voleva lui. Chi poi ha visto tante volte Il padrino – Parte II non può non ricordare il personaggio di Moe Green, ispirato a lui. Chissà quanti film potevano quindi essere inseriti in questo ciclo, incompleto perché ora come ora mi interessano i film che non ho mai visto troppe volte…

Altro grande salto, e siamo negli anni ’50, quelli di Bulli e pupe forse, non voglio approfondire, parole che rieccheggiano anche in I ragazzi della 56a strada, uno dei pochi film di Coppola che non avevo mai visto (grazie Studio Universal, a proposito), dove si innesta la beata e giovane innocenza nella guerra tra bande giovanili, un oscuro mito che Happy days non ha mai approfondito, visto che, prima di perdere l’innoncenza, gli americani erano quelli; anzi, sembra che ci sia del riflusso visto il ritratto ultra positivo della famiglia di Ritchie è degli anni ’70, un ritorno all’America che volevano loro…

Altro problema che si è presentato durante le visioni è quello del riconoscimento dell’effettivo periodo in cui erano ambientati: per certi, l’ho già scritto, era facile, bastava Filmtv, per altri dovevo basarmi su certi particolari inseriti, come la colonna sonora, mentre per altri avevo delle difficoltà. Bronx di De Niro ad esempio: se non era per la voce narrante non avrei saputo che è ambientato nel ’60, in cui si parla di patti necessari alla sopravvivenza. E’ l’evoluzione del potere, concepibile fin dalle band dei ragazzi di cui sopra e sviluppabile fino al decennio di Nixon, con i due film che volevo assolutamente vedere sul personaggio, ma che il mio dvd-recorder ha mancato, Frost/Nixon e Gli intrighi del potere. Magari ne parlo più avanti.

Parlavo di linea temporale difficile da individuare: L’ultimo spettacolo o L’ultima corvèe, dove inserirli? Sono storie personali, certamente non si inseriscono nell’Americaneide se non lateralmente, ma mentre il secondo l’ho visto per curiosità verso Jack Nicholson, l’altro mi è risultato ostico.

Parlare di America negli anni ’60 vuol dire parlare anche di Vietnam, sporca guerra rinnegata dalle masse, ma con colpevole ritardo dal governo. In Un mercoledì da leoni, mai visto, mea culpa, c’è spazio per il reclutamento, una delle scene più divertenti, ma l’unica che ho mai visto su quell’argomento (ovvio che tutti i giovani se svolgevano la leva dovevano finire in Asia….).

Fragole e sangue. Mito romantico del ’68, delle contestazioni pacifiste ma non solo: per me è stato un casino temporale, perché l’avevo visto per la prima volta durante l’università, quando ero un ribelle come il protagonista, ma ci sono anche due canzoni che negli stessi giorni ho riscoperto un’altra volta (Something in the air dei Thunderclap Newman) o rieccheggiata qualche tempo prima, per l’anniversario della morte di John Lennon: All we are saying… is Give peace a chance, nel finale più commovente per uno studente, anche nell’immediato.

2 pensieri su “Americaneide – Prima parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.