Il giorno delle liste – Uno su dieci (9)

Da qualche giorno mi dedico al genere crime: invenzione di IMDB o genere non considerato in Italia? A volte poi l’aggettivo rovina la visione di un film.

Il caso Thomas Crown: McQueen in gran spolvero, ricco, ladro e con gli inseguimenti d’auto di rito. Ricordo un particolare del film: gli attimi dedicati al terminale, primi approcci al computer con schermo del cinema. 6

Cotton club: ormai per me è impossibile arrivare alla fine di questo film. C’ho provato diverse volte, ma Coppola per me ha fatto solo Il padrino, Apocalypse now e pochi altri film. 5

Easy Rider: il ’68 per Peter Fonda, Jack Nicholson e Dennis Hopper, irriconoscibile con capelli lunghi e baffi. Salvo la colonna sonora, bellissima, e il sogno, o meglio il viaggio con l’LSD del prefinale. Un’altra lacuna colmata comunque. 6 1/2

I protagonisti: metacinema secondo Altman, e se pensate che l’ingorgo di personaggi e dialoghi dura due ore salverei qualcosa in più del piano sequenza iniziale. 7

Il buio nella mente: altro film da vedere assolutamente, che potrebbe fare il paio con Thelma e Louise, ma all’europea, con protagoniste due ragazze un pò meno integrate, o più borderline, vedete voi. Ora capisco perché nel Torneo si voleva premiare Isabelle Huppert. 7

Il postino suona sempre due volte (1981): volevo capire perché è “adult content” per Studio Universal, ma di sesso non ce n’è poi tanto. La scena più famosa è però veramente hot, e Jessica Lange era splendida a 34 anni. Altro film rovinato dall’attribuzione al genere Crime. 6

Il processo: Orson Welles, prima o poi dovevo andare oltre a Quarto potere, ma qui mi sono fatto del male, non avendo mai letto il libro di Kafka e ostinando una visione piuttosto distratta. Lo salvo per altre occasioni.

King of New York: Fishburne, Buscemi, Snipes, tutti giovani e al servizio di Ferrara e Walken. Anche qui visto distrattamente, ma la prima volta e basta. Ora capisco la sua mezza aura di film cult. 7

Thelma e Louise: obbligatorio rivederlo, mi dicevo, per capire Scott, gli anni ’90, le citazioni che si sprecano sulla coppia protagonista. La loro ribellione però è stata superata in mille modi diversi. 5+

Leon: come scritto sopra, ma c’è anche un voto assurdo dato dagli utenti di IMDB, un 8,6 che dovrebbe incuriosire. E difatti mi stavo perdendo nel primo tempo, con momenti di gran goduria, tra Renò, Portman, Oldman, colonna sonora, montaggio, fotografia, e un regista solamente qui in stato di grazia. 7 1/2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.