Transformers: la vendetta del caduto

A tutto c’è un limite, per tutto c’è una conclusione. Capisco i rumori di ferraglie, le auto, le battaglie, la simpatia dei protagonisti, ma poi c’è da sopportare la mitologia dei Transformer, e ciò diventa insopportabile per un blockbuster visto nel weekend, a scapito di altri buoni film. Il tutto senza la solita regia di Michael Bay da criticare.

Per ulteriori considerazioni vi rimando a Stanze di cinema, con cui inauguro lo spazio dedicato agli altri blogger che hanno visto i film che vedrò anch’io.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.