District 9

Forse per me iniziano così i film recenti, quelli che “sono rimasto indietro”, quelli che fino a poco tempo fa “chissà quando si danno una mossa in tv”, quelli che “me lo sono perso al cinema, spero riapra il videonoleggio”. No, Sky mi ha permesso di guardarlo, di registrarlo, quindi per ora sono soldi spesi bene.

Alla fine capisci il senso del film, o almeno il genere, con quelle didascalie sui fatti avvenuti dopo lo sgombero dei gamberoni. Prima arrivano sulla Terra, non danno cenni di benvenuto, poi vengono tirati giù a forza, cercano di integrarsi ma piano piano si dimostrano degli animali, evoluti, ma sempre animali. Fino a quando un’uomo, piuttosto simpatico, con un mestiere piuttosto delicato, tenta di farli trasferire in un’altra locazione. Viene integrato pure lui, ma in modo diverso. Un moto d’orgoglio extraterrestre e…

Fosse solo questo, anche Cameron avrebbe fatto un filmetto, ma qui c’è l’altro grande degli effetti speciali, un Peter Jackson post-LOTR che cercava svago. Il tono è quello del documentario, con fatti non compresi in esso, come la parte centrale, e si prende atto che gli alieni erano tra noi. Dove? A Johannesburg, neanche una città qualsiasi. Naturale che un regista sudafricano pensasse al nuovo apartheid, quindi le bidonville del Distretto 9 sono popolate di quelli che anche i precedentemente reietti chiamano volgarmente gamberoni…(Ah, ecco dove ho sentito prima quella parola: My name is Earl!!!).

Ci fossero solo metà degli effetti speciali, mezze idee, una cittadina qualsiasi, grideremmo al capolavoro di serie B. Finalmente un pò di freschezza nella fantascienza!

Uscito il 25/09/09.

Visto anche da Pompiere.

4 pensieri su “District 9

  1. sotto la crosta di film di fantascienza nasconde la lezioncina buonista sulla (e a scapito) della realtà quotidiana.
    Morale: i buoni sono gli immigrati piovuti dal cielo e venuti da altri mondi e chi vuole intendere intenda.
    Sembra di essere in Italia, insomma ed è un film che potrebbe diventare un cult per pacifinti e sinceri democratici.
    Un saluto, Gegio.

    • E’ intrattenimento! Il tema sociale c’è sempre, ci deve essere, ma non sono andato così a fondo. Non esageriamo, non è neanche il caso di fare voli pindarici come ogni tanto faccio.

  2. Ho visto "Distric 9" parecchi mesi fa, la prima parte mi è piaciuta proprio per l'effetto documentaristico, peccato poi perdersi in un film d'azione poco convincente.

    p.s. wow, quanti commenti sul mio blog, grazie! :)

    • @ Sailor Fede: è per ringraziarti di commenti come questi.
      Il tono del film è anche quello della commedia, ma si dimentica, come nel precedente commento di Solo Film, che voleva ironizzare, ma non l’avevo capito. E gli ho risposto un pò per le rime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.