Star trek – Il futuro ha inizio

Ho seguito la serie un secolo fa, poi gli spinoff non li ho mai affrontati con decisione. C’è tutto un mondo dietro, e J.J. Abrams non ci doveva entrare! Ha complicato le cose, e mi tocca andare in cerca dei Romulani, che con qualcosa di immenso entrano in scena nel film. Qualcosa di immenso? Si, perché Abrams non aveva trovato di meglio; tutto nasce da qualcosa di piccolo, di estremamente piccolo, e qui sta la quasi genialità di lui e di Spock, che non so dove ha trovato quella roba rossa…Fa piacere comunque che la storia di Star trek abbia avuto un reboot, un aggiornamento con tutti i crismi del genere e delle capacità attuali. Gli mancava la produzione di Spielberg, e chissà cosa sarebbe venuto fuori. Anzi, l’avrebbe forse limitato, ma probabilmente avrebbe lasciato mano libera a Orci e Kurtzman, quelli di Fringe per intenderci, di proseguire lo script. Il regista poi ha chiamato Lindelof a compiere grandi imprese. Chi mancava secondo voi? Lui, Michael Giacchino. La squadra è al completo, come quella dell’Enterprise. Ora, non so chi ha interpretato McCoy, ma ho un’idea bellissima in testa, che sia Matt Le Blanc, quello di Friends. Ho cercato conferme al nome di Kurtzman, come si scriveva il suo cognome per l’esattezza, ora devo affrontare la scheda di IMDB in cui elencano gli attori, e scoprire chi interpreta il dottore…No, un tale Karl Urban. Delusione insieme alla consapevolezza che c’è Simon Pegg. La squadra è pronta, basta un bacio di Uhura a Spock.

Uscito l’8/5/2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.