Tron legacy

Quanto tempo per vedere l’originale, quanta adorazione, quanta nostalgia per gli anni in cui la sala giochi era la mia casa…Tanta fantasia, quasi avvenieristica, pochi mezzi e i videogiochi. Ora mi toccava confrontarmi col sequel, l’inizio forse di una trilogia, ed ho scelto non di guardarlo al cinema, dato che non meritava tutti quei soldi e quel tempo, ma di trattarlo bene lo stesso: nessun riversamento via scart sull’hard disk, una registrazione da vedere alla tv direttamente, col collegamento hdmi. Mi si è aperto un mondo nuovo!!! Capisco che non posso riempire il decoder di roba, non riesco a farmi i cicli che voglio, ma ogni tanto ciò che si registra dovrebbe essere visto direttamente dal Myskyhd. L’unica pecca, durante la visione, è il mio tv, ormai troppo vecchio per Tron legacy, che non sopportava l’audio. Peccato.

Purtroppo ci sono altre cose che non vanno in Tron legacy: la colonna sonora per me era incomprensibile, certi passaggi della trama erano intricati, se avessi visto il film originale forse sarebbe andata meglio, e manca di anima; tutti gli scenari erano ottimi, dalla casa di Flynn alle corse in moto, ma non basta un accenno alla filosofia zen per farci emozionare. E se non avessero scelto i Daft Punk? Una cosa ancora più inquietante delle musiche è l’alter ego cattivo di Flynn, un Jeff Bridges ricreato più giovane, una sua copia perfetta e interattiva. O mi spiegano come hanno fatto oppure mollo in toto la tecnologia, certe cose fanno molta paura…

Uscito il 29/12/10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.