Alice in wonderland

Io e Tim Burton abbiamo un rapporto che non si può definire tempestoso. Pure Johnny Depp non mi entusiasma particolarmente, e se c’è pure Helena Bonham-Carter direi che siamo quasi al livello di disinteresse. Ma i primi due fanno parte della lista dei registi e degli attori più osannati da IMDB, Filmtv.it e gli altri recensori. Alice in wonderland, è uno dei film che hanno incassato di più, ma doveva far parte del ciclo dedicato a loro…non fa niente…

Siamo ai livelli più alti di fantasia, quando anche gli animali parlano ed hanno nomi stranissimi. Naturale, è Alice nel paese delle meraviglie, anche se i nostri hanno scelto di lanciarlo col titolo originale. Non ho neppure un rapporto facile con il genere fantasy, quindi vi chiederete come ho affrontato questo film: annoiato, desideroso che arrivasse alla fine, con pochissima partecipazione. L’unica nota felice è di Anne Hathaway, sempre più nelle mie grazie.

Alla fine del tunnel dei film ancora da vedere ci sono pure loro, Tim e Johnny, e spero questo sia stato il massimo che hanno dato in termini fantastico, quasi un punto di arrivo per il regista, altrimenti prendo e cancello tutto quello che ho registrato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.