Metropolis

No, non la visione eccezionale del film di Fritz Lang, ma un film d’animazione ambientato nell’ormai archetipa città. Tante suggestioni, tante cose purtroppo non approfondite, o approfondibili, in 100 minuti. La ragazzina robot ad esempio, che ricorda la donna del destino di Il quinto elemento, ma è ancora più pericolosa: se la collegate col telefono alla rete informatica ti manda in blackout tutta la città. Trovata eccezionale, ma c’è anche una nuova Torre di Babele, un partito fascista, diversi livelli della città, e tante altre cose che darebbero spunto ad una intera serie. Tutto il film è sostenuto da un certo ritmo, anche se l’animazione pare quasi vintage, se non fosse per i soliti occhioni giapponesi dei personaggi, come al solito con tratti somatici occidentali. Chi mi spiega ‘sta mania?

2 pensieri su “Metropolis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.