Il grande silenzio

Quando sei appassionato ti passano anche due ore e quaranta di film, anche se è un documentario, anche se riguarda i Certosini. No, non è l’aggettivo, nemmeno i gatti, ma l’ordine dei monaci, e si arriva alla loro casa madre, in Francia, il monastero di Grande Chartreuse. Tutte info tratte da questo link, non vi preoccupate, che la mia cultura è bassa ma sempre più spaziosa e meno angusta. Mi piacciono questi film, che ti fanno vedere altri mondi, altri ambienti, universi lontani da te ma senza andare nella fantascienza. Tutto è silenzio, a parte qualche parola gettata quasi per caso, qualche canto e dei discorsi fatti nei giorni di festa. Pare non manchi qualche momento di letizia, ma un ritiro così, con solitudine e silenzio, ma anche preghiera e riflessione su Dio, rimane affascinante solo alla tv. Ci sono pure le Alpi, c’è una fotografia fantastica, dettagli e paesaggi bellissimi, per dei protagonisti che sfido a ipotizzare quale accordo hanno trovato con la produzione. Solitudine e silenzio desiderati, anzi quasi pretesi anche a chi sta loro vicino, ma tanti gesti valgono come centinaia di parole. E come comunicano tra loro e col fuori? Vi lascio a desiderare la riproposizione su RaiMovie, l’unico canale che può riproporlo. Mi pare abbia vinto qualche premio, mi pare che sia stato ben sopportato da chi l’ha visto, ma due ore e quaranta sono una prova di pazienza, un’anticipazione di ciò che sarà il mio rapporto con Werner Herzog, che mi fa ancora più paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.