Il colpo della metropolitana (1974)

L’originale, è stato rifatto, con Pelham 123, e pure con un remake per la tv. Dimenticateli, anche se ogni film con la stessa storia, quella del sequestro di un treno della metropolitana, ha, o possiede in questo caso, qualcosa di piacevole. Volete mettere la faccia di Matthau dell’ultima inquadratura di quello del ’74? E John Travolta con la barba e il pizzo più violenti degli ultimi anni? E la storia che sta dietro al suo personaggio? Tutto sembra preso pari pari dall’originale, ma ha lo stesso il suo fascino, pensate a che rivalutazione sono arrivato. Sono in bassa stagione, e vado ad apprezzare un film di Tony Scott, ma tutto ciò che ha fatto l’ha preso pari pari, quasi scena per scena, anche se la tecnologia la fa da padrona, e via di computer, anche nel treno, con la webcam del portatile. Il personaggio di Washington pare più problematico, ma ci sono anche i giapponesi, il sindaco malato e pure la sparatoria del prefinale. Non è che sia un colpo di genio intuire che a metà del viaggio, quando il convoglio si ferma, magari i rapitori sono scesi, ma si lascia perdere, che siamo a luglio e ci vuole un pò di disimpegno, e la faccia di Matthau, in tutto ciò che fa, aiuta moltissimo. Avrei ora voglia di vedere That’s amore e Due irresistibili brontoloni, quando l’età rende migliori lui e Jack Lemmon, ma resisto col genere Crime, e mi sa che avrò da ripensare il mio atteggiamento col prossimo film, Cadaveri eccellenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.