Fratellanza – Brotherhood

“Io li odio i nazisti dell’Illinois” è una di quelle battute che ogni tanto ti trovi nella memoria, incomprensibile come il nonsense di Belushi. Però ridere di un film del genere è quasi impossibile. Ma c’è un bel precedente, che vorrei sottoporre ai vostri ricordi, forse più educativo, ma non meno letale: American History X. Lì siamo in America, e non ci sono le condizioni danesi, intendo la partecipazione a vita al nazionalsocialismo, come enunciato in Brotherhood. E’ difficile far parte di una minoranza, è difficile farlo per qualcosa che tutti, proprio tutti hanno condannato, come il culto di Hitler, ma è impossibile esserlo alla seconda, quindi rimanere omosessuali all’interno di una cultura che rifiuta solo tale ipotesi. Siamo abituati alle minoranze osteggiate, come gli indiani in un qualsiasi film della controcultura dei ’70, penso a Piccolo grande uomo, esempio a casaccio, ma ancora di più, ancora più forte è il senso di appartenenza alla razza ariana e fare sesso contronatura, come lo vedrebbero persone più moderate. La fine è nota, lo svolgimento è normale, ma l’ipotesi è sia azzardata che cinematografica. Stupiscono comunque le parole del regista sull’ambientazione…

Uscito il 2/7/2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.