Gorbaciof

Toni Servillo sta crescendo bene, se questa è solo la sua giovinezza, se non fosse che ha almeno 50 anni. Si è permesso un ruolo in cui non parla quasi per niente, biascica o si esprime con la mimica o il dialetto. Quella posa e quell’andatura da sabato sera, quell’abbigliamento che perlomeno non ha provocato problemi alla costumista ti fanno mettere dietro i problemi di un ragioniere del carcere, aumentati a dismisura quando i soldi cercano soldi: aumenta il livello criminale, vengono coinvolti insospettabili, e si arriva al finale, che potreste anche farmi il favore di non immaginare. E dopo queste parole famose, direi di curiosare nella filmografia di Toni, perché uno così non può venir fuori solo dal teatro, com’è plausibile che sia: Morte di un matematico napoletano e Rasoi nel ’92/’93, poi niente per cinque anni, e dal 2001 iniziamo a riconoscerlo in sala per L’uomo in più. Tutto il resto è teatro, ed una faccia che ha davanti a sè il meglio, anche per noi.

Uscito il 15/10/10.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.