Le idi di marzo

Io, che ho visto Cesare deve morire, le ricordo, ma non so cosa sono. Sono un analista contabile dichiarato dal Ministero dell’istruzione, quindi uso i numeri, non Shakespeare, le tabelle e i fogli elettronici, non il latino. Comunque c’è George Clooney, che da un pò di tempo non girava, e come al solito recita, e produce, insieme a Leonardo Di Caprio, che magari non compariva nel set. C’è un partito americano definito, non come altre volte in cui si generalizzava o non venivano coinvolti. A me è rimasto impresso più questo che Ryan Gosling, o Philip Seymour Hoffman, perché si prendono delle responsabilità, e ne escono comunque con le ossa rotte. Clinton è di nostra memoria, è dietro l’angolo, peccato che si scelga tale strada, tanto banale, per raccontarci delle primarie in pieno svolgimento, con la morte dell’etica a un tiro di schioppo. Qualcuno doveva cascarci, non tutti come disperavo. Se questo è il panorama politico in America, io direi che c’è da preoccuparsi, anche ascoltando le ultime parole del candidato interpretato da Clooney.

  1. Emotivi anonimi
  2. Cesare deve morire
  3. Le idi di marzo
  4. Paradiso amaro
  5. Sherlock Holmes: gioco di ombre
  6. L’industriale
  7. Hysteria

3 pensieri su “Le idi di marzo

  1. c'è da preoccuparsi sì….
    il retorico governatore (futuro presidente?) Morris si sciacqua la bocca parlando di dignità, di etica… e noi sappiamo che tipo è…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.