Michel Petrucciani – Body and soul

Vedi che i talenti sono sempre nascosti, si trovano anche in persone alle quali non daresti niente? Petrucciani è stato, per la maggior parte della sua vita, un jazzista, poi ha fatto qualcos’altro, forse, ma fin qui non c’è niente di speciale: a 4 anni rompe un pianoforte giocattolo, ne voleva uno vero; a 13 si trova a suonare con i grandi, lui nato piccolo, poi si fa una vita a New York, anche al Blue Note, e ti sembra che il tempo sia anch’esso piccolino, perché se ne và a 36 anni. Un Mozart dei nostri tempi, con lo stesso orecchio e la stessa capacità, anzi la stessa predisposizione al piano, quasi ci fosse nato sopra. Naturalmente il problema minore erano i pedali, e le mani parevano viaggiare per conto loro, senza dietro un cervello; poi c’è la storia della sua malattia, che ad un certo punto non gli ha permesso di suonare, o almeno così volevano i medici, ma se ne fregava, e ti faceva più di 200 concerti all’anno. Era naturalmente un autodidatta, e una delle tre mogli gli ha insegnato qualcosa, ma immezzo a droghe, scorribande e chissà cos’altro. Un uomo di neanche un metro, ma santo Giove tanto talento da farcelo rimpiangere subito.

  1. Faust
  2. The lady – L’amore per la libertà
  3. Michel Petrucciani – Body and soul
  4. Io sono Li
  5. Killer Joe
  6. Mozzarella stories

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.