In time

Ma, rimuginavo, chi ha chiamato Justin Timberlake e Amanda Seyfried (uno splendore, devo ammetterlo) per In time? E quei colori, quei vestiti, non sono…Ah ecco, c’ho pensato e sono arrivato al motivo per cui l’ho registrato: Andrew Niccol. La storia sarà anche bruttina, ma Bonny and Clyde qui ci stavano meglio, ma santi numi, la fotografia, le scenografie, i costumi, le location, tutta la parte visiva è eccezionale, un’evoluzione di quella di Gattaca che andrebbe verificata su IMDB. A una rapida occhiata solo Coleen Atwood, ai costumi, era anche nell’altro film di Andrew Niccol, ma il resto della crew si tirava dietro delle liste fenomenali di film, più o meno memorabili per ognuna delle loro professioni. A peggiorare le cose ci pensa la quasi assoluta mancanza di tempo per riflettere su di esso: Niccol ha scritto un action movie, con la fascinazione dell’avambraccio, ma si è speso più volentieri per il resto dell’impianto, uno spettacolo per gli occhi.

2 pensieri su “In time

  1. Il problema è che è troppo asettico, molto più di GATTACA che ha un'apparenza fredda ma invece è estremamente emozionale. E poi, come dici tu, è una festa per gli occhi e gli attori sono bravi, ma la storia è bruttina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.