Cogan – Killing them softly

Ah beh, avrei gridato al miracolo vent’anni fa, se Pulp fiction non fosse esistito, ma anche adesso, se non avessi confuso i registi. Pensavo infatti a William Friedkin, che ha fatto qualcosa di simile, ma no, troppe idee di regia, come la ripresa in movimento all’uscita dalla “partita”, il ralenty al primo omicidio, Obama che parla e il personaggio di Brad Pitt che purtroppo l’anticipa. Per fortuna il film è di qualche anno dopo l’elezione, ma fa un certo effetto, ti chiedi perché quegli stralci di discorsi durante il film. Non c’è solo questo, e specie nella prima parte c’è un bel pò di degrado, oltre che savoir fair e filosofia da killer, e James Gandolfini si liquida in poco tempo, ma dopo una colossale serie di bevute, che spero non si siano ripetute sul set, durante i ciak. Comunque, nell’insieme, una serie azzeccata di personaggi, e Richard Jenkins a ripetere, da ormai caratterista del caso, quello che si vede precipitare gli eventi, o che si trova in difficoltà.

  1. Tutti i santi giorni
  2. Il primo uomo
  3. Reality
  4. Marley
  5. Cogan – Killing them softly
  6. Marigold Hotel
  7. ACAB – All cops are bastards
  8. Tre uomini e una pecora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.