7 psicopatici

Ah, ecco. Dopo Argo, con le considerazioni sul montaggio, ci voleva un film problematico sullo script: non che sia di ferro ferro, ma le idee si sovrappongono e si perdono facilmente, questo è il mestiere dello sceneggiatore, e ci vuole un pò più del minimo di sospensione dell’incredulità richiesto. I 7 psicopatici del titolo infatti si prendono dalla realtà e dalla fantasia, con una propensione per la prima, anzi piano piano scopri che esistono nella realtà, tranne uno, anzi, e un personaggio…C’è pure un supereroe da film crime!!! C’è pure spazio per cincischiare, tipo l’alcool per il personaggio di Colin Farrell, quindi anche per il Colin Farrell attore, e c’è un redivivo Christopher Walken, non esattamente in forma, ma comunque con un ruolo un pò più glorioso rispetto alla sua quasi ignobile recente filmografia. Io vi parlo di attori, e c’è anche Sam Rockwell,  e dentro una storia dentro una storia, c’è sorta di metacinema che si interrompe con le sue cavolate. Magari merita una seconda visione, visto che sai come prosegue, e non mi interessa tanto il finale, ma come si evolve, perché c’è qualcosina che mi sono perso, senz’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.