Phil Spector

Anche a me verrebbe voglia di separare arte e vita, perché il muro del suono non è solo un riverbero, e uno che ha visto John Lennon non lavarsi per un anno e mezzo, beh, è abbastanza fortunato. Il fatto è che sto qua non riesce a separare il suo glorioso passato dal presente, i ricordi dal reale, e salta fuori una pescecane di avvocato difensore, una con i piedi per terra fin quasi alla fine, quando tutti hanno visto quella parrucca, e se non sbaglio è la foto del ritratto di Phil Spector su Wikipedia. E il romanzato dal reale? Ci avvisano anche di questo, a dire la verità, ma ci pensa Al Pacino a farci cadere nella trappola, non tra le sue cose migliori, ma rende l’idea. A piacermi comunque più di tutto è l’impianto difensivo da un milione di dollari, che ne fa un film procedurale con i controcazzi, roba che avrei amato vent’anni fa, quando ero in fissa con quelle cose, dopo le quali ho imparato meglio in sistema giudiziario americano, più di quello italiano, e ce ne sono parecchi, tanti che confondono le due cose…

  1. Il lato positivo
  2. Upside down
  3. Phil Spector
  4. La frode

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.