Uno su dieci (10)

(Nello scorso post della serie non ho indicato il film da salvare, che è Leon di Besson.)

Cuore selvaggio: l’ho sempre confuso con Arizona Junior, dei Coen, per lo stesso protagonista, Nicolas Cage. Altra lacuna colmata comunque, anche se mi pare meno bello del film che segue. 6 1/2

Velluto blu: 7+, perché Dennis Hopper, Isabella Rossellini, l’orecchio nel prato, e tanti altri motivi.

Omicidio a luci rosse: ogni tanto ci si dovrebbe fermare a guardare un thriller già visto,  ma qui il colpevole è subito smascherato. De Palma forse non era così bravo, neanche tanto tempo fa. 5+

Complesso di colpa: uno dei film più hitchcockiani del regista, ma la sospensione dell’incredulità stenta a partire. Anche qui poi il colpevole è individuato subito, forse per la presenza di pochi personaggi. Colonna sonora di Bernard Hermann, quello del maestro del brivido. 6

Bug: Ashley Judd irriconoscibile, per un prodotto uscito solo in home-video, in una trama prima drammatica poi quasi fantascientifica, ma l’inganno si svela molto prima. 6+

Frantic: Agitato, più o meno si traduce così. Se non capite la storia delle valigie, è difficile stargli dietro, ma questo era un mio problema, dato che non ho fiducia nei thriller degli anni ’80 e ’90. 5

The village: Rivedere anche qui il film sapendo del finale è molto rivelatorio. Poi c’è la metafora sugli Usa…7

Femme fatale: Torno a De Palma con un incipit unito non dal piano sequenza, ma dalla colonna sonora. La trovata della trama è piuttosto banale, quasi da serie B, peccato. 5

Walk the line – Quando l’amore brucia l’anima: musica e vita sono aspetti quasi esclusi dalla trama, dedicata piuttosto alla storia d’amore con June Carter. Eppure Johnny Cash meritava più giustizia. (Finalmente ho capito cosa è successo nella prigione di Folsom, quella del disco). 6

Ratatouille: Alla Pixar sono sempre più bravi. Basterebbe la fuga del protagonista tra carrelli e pentole a dimostrarlo, ma ci sono dei dubbi pure sul target al quale è dedicato il film…eh si, ormai siamo a livelli di film, non di cartone animato.  7.

Il treno per Darjeeling: e dopo le famiglie disfunzionali, dopo individui problematici, ecco tre fratelli che viaggiano per l’India in cerca di spiritualità, con un treno che vorrei prendere pure io. L’umorismo è perlopiù sottile, mai sbracato, e con dei tormentoni e delle trovate che mi fanno pentire di aver sempre sottovalutato questo film. 6++

Vorrei salvare due film, non potrei veramente fare a meno di loro: Velluto blu e Ratatouille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.