Amytiville possession

Dopo una infornata di misteri durata 6 anni, dopo un finale che non risolve molto, Lost è finito. Sono fuori tema, ma è necessario un confronto con altri misteri, presenti nel film in questione: perché la madre di famiglia fissa il vuoto in chiesa e tutto d’un tratto riprende a cantare e si presenta tuttta allegra al sacerdote? Un taglio di montaggio, oppure una non-scelta ripresa dalla sceneggiatura? Dopo pochi minuti ero pieno di stereotipi sulla famiglia protagonista: padre incazzato, manesco e incazzoso, madre protettiva, che appena entra nella casa nuova si dirige nella cucina, tutti comunque contenti della nuova casa…

Il peso della parte “normale” che anticipa il disastro è troppo gravoso. Damiano Damiani, in un seguito insolito (prodotto da De Laurentiis, il più grande ponte tra USA e Italia), nelle parti horror mi sembra dare il massimo, e solo per questo mi sarei dato coraggio ed avrei continuato la visione. La sceneggiatura però è scritta malissimo, quasi buttata lì, forse per sfruttare il nome della serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.