La promessa dell’assassino

Viggo Mortensen. E già il nome dovrebbe far pensare. E parla il russo, è tatuato, è un mafioso, ma è anche…niente spoiler, anche se è un film di qualche anno fa. La promessa dell’assassino lo si ricorda per la scena della sauna, in cui il protagonista affronta due energumeni a corpo nudo, senza armi. Forse questo c’entra con il regista, David Cronenberg? Non ho mai approfondito il discorso, certo che ogni tanto mi tocca o mi fa piacere guardare i suoi film. Qui ci mette la crudeltà, e la famiglia dove si nascondono poco più che ipocritamente gli affari più che loschi, più che immorali, non può non ricordare altri mafiosi più famosi (non faccio nomi, ma Ale55andra dovrebbe aver capito). C’è anche Vincent Cassel, che si accompagnerà pure a Monica Bellucci, ma sono piuttosto dubbioso sulle sue qualità di attore: perché esagera? Perché gigioneggia? Invece Viggo và di sottrazione, e vi sfido a cogliere un suo movimento, una sua espressione, un suo tic, tutto ciò che faccia pensare alle rivelazioni del prefinale. C’è una soglia, superata la quale non si può tornare indietro. E scusate se scrivo come un trailer qualsiasi, ma è vero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.