Ligabue Campovolo 2.0

I primi minuti sono illuminanti, devo ammetterlo. Me li sono segnati, o perlomeno me ne sono ricordato stasera, ma non sapevo dove li ho visti o ascoltati: prima ho tentato di vedere sul sito di Destini incrociati, bellissima trasmissione di Radio 24…niente…Hollywood party? Na. E allora? Google ti aiuta, ti permette di indicare le date dei risultati, ma niente, solo Campovolo in dvd. Ultima risorsa, e ce ne sono di cose da dire su questo: Youtube. Ecco l’embed. E devo ammettere che ciò che dice poteva starci benissimo nella testata del blog. Poi ho scelto altro…o forse, ligabuemente parlando, ho cambiato idea.

Su Campovolo poche parole, o almeno credevo che fosse così. Seguo Ligabue dal primo album, Lambrusco, coltelli, rose…ascoltato prendendo in segreto e in prestito una cassetta di mio cugino (lui neanche lo immagina), ma è stato Buon compleanno, Elvis a innestarmelo in testa. Su e giù da un palco l’avrò consumato, tante le volte che l’ho sentito, mentre Giro d’Italia non mi è mai piaciuto abbastanza (dal film/concerto ho capito però che Mauro Pagani è veramente ecclettico). Sette notti in Arena è il miglior live che ha fatto, ed io potevo esserci, se il lavoro non mi avesse occupato i pensieri: l’orchestra dà una mano veramente grossa al cantante, e Sono qui per l’amore, o L’amore conta, o Il mio pensiero sono arrangiate benissimo. Poteva quindi evitare Campovolo? Poteva farci un’altro film tipo Da zero a dieci? Gli stacchi sono divertenti, ma non è meglio un bell’impianto audio per gli altri dischi, cosicchè li possano ascoltare i vicini di casa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.