Un boss sotto stress

Prima di tutto devo ammettere che il primo film della coppia De Niro – Crystal mi è solo piaciucchiato. Il primo era già alla deriva, il secondo dopo Harry, ti presento Sally, o Scappo dalla città, ma anche Forget Paris, mi sembrava spento. Poi l’illuminazione dei primi minuti, in cui De Niro prende in giro in poco meno di 4 minuti i suoi ruoli da mafioso e da pazzo, ma anche West Side Story. Una  scena già cult per me:

Harold Ramis ha diretto un film che magari alla seconda visione perde colpi, ma meno di Terapia e pallottole. Poi c’è, ancora, il corto circuito: Vitti che fa il consulente per una serie tv sulla mafia, con un primo attore che somiglia a qualcuno che ho già visto, e con un regista che non scoprirete mai di cosa si fa (viene dal teatro, ripete Vitti…). L’apoteosi si raggiunge nel finale, che non vi voglio rivelare, con una distrazione dal plot piuttosto degna, e con un certo casino messo sù dalla troupe.

Mi è più che piaciucchiato, e forse De Niro ha sollevato con questo film le sue sorti dal 2000 in poi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.