Ferro 3 – La casa vuota

Quando si tratta di film asiatici io di solito mi astengo, mi ritiro, mi disinteresso, e un pò mi deprimo. L’ondata non più recente di film horror ha dato il colpo di grazia, ma ogni tanto mi capitano titoli così, come anche 2046 o In the mood for love, dei must anche per chi stupidamente ha dei pregiudizi, anche meno di me. Se considerate i protagonisti, che entrano nelle case, le usano, ci riparano qualcosa, ascoltano musica, ci mangiano, ma senza fare rumore, e ancora di più senza parlare, per quasi tutta la durata del film, beh, direte che siamo ai massimi livelli di insopportabilità. Invece devo dire che un sabato mattina sopporto cose peggiori, e la parte finale è quella che merita di più, quel confine insuperato tra fantasia e realtà, quando non bastano 180 gradi per capire tutto, si inserisce benissimo, a partire dalla presa in giro della guardia, quando si prospettava una fuga bellissima dalla prigione, e chissà invece cosa è successo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.