Diaz

Un film dell’orrore? Sangue e urla, che c’è di strano, se non inserirlo nel genere? L’orrore della democrazia, si può aggiungere, perché qualcuno aveva detto, tempo fa, di difendere la tua possibilità di esprimerti, qualsiasi sia la tua idea. Eppure…Abbiamo fatto una figura di merda con il mondo puntato addosso, o almeno con gli altri 7 paesi che sono stati chiamati a parlare di economia. C’era la Russia, fulgido esempio ora di democrazia, visto che bastava vincere il comunismo? Non so, ma ho visto nelle immagini di repertorio Berlusconi, e ciò la dice lunga su quell’avviso di garanzia che gli è stato pervenuto nel ’94, a fari accesi anche quella volta. C’è un divario quindi, tra lui, i potenti, e coloro che hanno disturbato i genovesi. C’è stato un comportamento disfunzionale tra loro e la polizia, a dirla leggera. Se tutto fosse partito da una pattuglia che si era persa ed ha visto una bottiglia cadere a terra, la reazione è stata spropositata…ah, se fosse veramente così, come immagina Daniele Vicari. L’immaginazione finisce appena inizia la seconda parte del film, quando i 100-120 agenti entrano alla Diaz, ed inizia l’incubo. Pare di vedere una dittatura sudamericana, che so, quella argentina, e la terza parte è ancora più dura, perché fin lì vedi ombre, corpi, al buio, massacrati e sanguinanti, poi vedi altro, ed è subito indignazione. Una terza parte che punta il dito, e questo è ad esempio quello della ragazza tedesca umiliata che, nella realtà, non vuole più metter piede in Italia.

Ci si domanda spesso se il cinema d’impegno italiano sia finito con gli anni ’70. A parte qualche complotto, qualche romantico delinquente, qualche sogno dei fiori, finora non avevo visto niente del genere, una cronaca che lascia esterefatti per l’assenza di giudizi, per la mole di materiale ridotto, per un occhio che và da una parte e dall’altra, senza tralasciare niente, ed è un’altro pregio del film, perché non so come Vicari sia rimasto impressionato da un evento del genere, roba che colpisce al cuore, e alla ragione.

  1. Pietà
  2. Diaz
  3. Django unchained
  4. E’ stato il figlio
  5. 007 Skyfall
  6. Il cavaliere oscuro – Il ritorno
  7. Prometheus
  8. Led Zeppelin. Celebration day
  9. Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

If your website is claim enabled, it will be notified that you have posted here.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.